venerdì 28 febbraio 2014

Barbera del Monferrato D.O.C. Frizzante "La Monella" - Braida



Tipo di Vino:                        Rosso
Uve:                                      Barbera 
Vinificazione:                       Fermentazione-macerazione sulle bucce per 10 giorni. 
Maturazione:                       Affinamento per almeno 4 mesi in acciaio con presa di spuma      
                                              in autoclave. Segue un affinamento in bottiglia di circa 2 mesi. 
Titolo alcol.:                         14 %   
Fascia di prezzo:                   euro
Giudizio Enostoppista:         3 botti

Note di degustazione: le uve Barbera col quale viene prodotto questo vino provengono da Castiglione D'asti e dalle stesse vigne di rocchetta Tanaro del suo collega più famoso "Bricco dell' Uccellone", la composizione argilloso-sabbioso del terreno permette l'ottenimento di vini con uno spettro aromatico e gustativo piuttosto intenso rispetto ai terreni più sciolti.

Alla vista rosso rubino, con riflessi porpora, spuma briosa e leggermente frizzante.
Al naso è abbastanza intenso, profumi fragranti e vinosi, di frutta rossa matura.
In bocca è secco, fresco e di buona sapidità, equilibrato nell'assaggio, gustosa e piacevole briosità che rende più facile la beva, un vino conviviale ad alto livello, una Barbera vivace di grande tipicità e tradizione, interpretata modernamente.

Il sito web dell'azienda vitivinicola:http://www.braida.it/













giovedì 27 febbraio 2014

I.G.T. Sicilia Nerello Mascalese 2009 "Fatagione" - Cottanera




Tipo di Vino:                        Rosso 
Uve:                                      85% Nerello Mascalese 15% varietà internazionali.          
Montepulciano d’Abruzzo
Montepulciano d’Abruzzo
Montepulciano d’Abruzzo
Montepulciano d’Abruzzo
Vinificazione:                       In acciaio a temperatura controllata 24-26 °C, a contatto con le bucce 
                                              per circa 12 giorni. 
Maturazione:                       12 mesi in barrique di rovere francese media alta tostatura (40% nuove).
Titolo alcol.:                         13,5 %   
Fascia di prezzo:                   euro
Giudizio Enostoppista:         3 botti

Note di degustazione: Cottanera è una realtà relativamente giovane sulle pendici delEtna, la superficie ziendale conta cento ettari di cui 65 vitati, il vino degustato proviene dal vitigno "Auror" uno dei più estesi e dei più fertili, sviluppandosi in un terreno lavico-argilloso.
I vigneti sono coltivati con esposizione Nord-Sud, garantendo una maturazione piuttosto anticipata.



Alla vista un bel rosso rubino con qualche riflesso granato, abbastanza consistente.
Al naso è abbastanza intenso e sfoggia una discreta complessità olfattiva di frutti rossi come ciliege, more e ribes nero, rotendo il bicchiere possiamo annusare note di sottobosco e di confettura al mirtillo. 
Uno speziato terroso inibisce l'olfazione, ma rende sempre più chiaredelle note tostate di legno di quercia.
In bocca è secco, straordinariamente morbido, di grande acidità e sapidità legata alla vicinanza del mare, ci troviamo infatti sulle pendici Nord dell'Etna, tannicità presente ma mai aggressiva, buon equilibrio totale, per un vino abbastanza persistente e di buona longevità.


  Il sito web dell'azienda vitivinicola: http://www.cottanera.it
 









Inaugurazione della nuova sala Guitar cuvèè all'enoteca Partenopea

Sabato 1 Marzo 2014
Enoteca Partenopea
Viale C. Augusto n. 2  Napoli
Finalmente la
 prima
degustazione del 2014


 
Come iniziare se non così un nuovo percorso di degustazione e
cultura enogastronomica.
Le bollicine della Nuova Cuvèe Prestige ci allieteranno durante
l’ inaugurazione di un nuovo “spazio”: la sala GuitarCuvèe, una cuvèe di arte,
musica e naturalmente vino …







Dalle ore 11.00 alle 13.30 e dalle 17.00 alle 20.00






lunedì 24 febbraio 2014

Lambrusco dell' Emilia I.G.T - "Terra Luna" Vino frizzante Biodinamico - Cooperativa La Collina



Tipo di Vino:                         Rosso
Uve:                                      20% lambrusco salamino, 40% Lambrusco maestri, 30% grasparossa,
                                             10% malbo gentile 
Vinificazione:                        Vinificazione e macerazione per circa 6 giorni con lieviti indigeni.
                                              a temperatura controllata. Presa di spuma in serbatoi di acciaio inox. 
Maturazione:                       Solo acciaio 
Titolo alcol.:                         11 %   
Fascia di prezzo:                   euro
Giudizio Enostoppista:         4 botti


Note di degustazione: la cooperativa La Collina nasce da un'idea di un gruppo di giovani di reggio Emilia, tutti con l'amore per la terra e quella di risolvere il diagio sociale, inizialmente la cooperativa coltiva secondo il metodo dell'agricoltura tradizionale, successivamente accorgendosi che questo metodo non aveva dato i risultati sperati decidono di convertirla in biologica, approfondendo i principi dell'agricoltura biodinamica, che ha come fondamento il rispetto della natura circostante e ritmi di coltivazione che seguono il calendario lunare delle semine, compostaggi e cumuli, rotazione delle colture e preparati biodinamici per ottenere prodotti di altissima qualità e livello nutrizionale. La collina non produce soltanto vino ma anche confetture, miele, olio, prodotti ortofrutticoli, conserve e salumi. Come già detto è ottenuto con il metodo della fermentazione in autoclave e non con quello della rifermentazione in bottiglia come l'antica tradizione del Lambrusco vuole,  il prodotto però riesce ugualmente a distinguersi per piacevolezza e tipicità.



Alla vista un colore porpora intenso e vivace, bollicine abbastanza fini e persistenti.
Al naso è abbastanza intenso, profumi rustici e vinosi tipici del Lambrusco, mora e ribes nero, viola, odori molto piacevoli e fini.
In bocca è secco, abbastanza caldo e di una morbidezza molto piacevole, fresco ed abbastanza tannico, effevescenza che si fa sentire ma è molto attenuata, rustico ed avvolgente, conviviale ed appassionante all'assaggio, di pronta beva, davvero un bel Lambrusco.

Il sito web dell'azienda vitivinicola: www.cooplacollina.it








sabato 15 febbraio 2014

Collio Bianco DOC 2012 - Colle Duga - Damian Princic



Tipo di Vino:                       Bianco
Uve:                                    25% Friulano, 25% Chardonnay, 25% Sauvignon Blanc,
                                            25% Malvasia Istriana.
Vinificazione:                      I mosti fermentano separatamente in parte in piccoli carati di rovere farncese
                                            in parte in vasche di acciaio e poi assemblati in primavera.
Maturazione:                     Affinato per 6 mesi in bottiglia. 
Titolo alcol.:                       14,5 %   
Fascia di prezzo:                 euro
Giudizio Enostoppista:       4botti


Note di degustazione: Damian Princic è un giovane viticoltore, ma la sua famiglia è dedita al vino già da generazione, la sua modesta produzione è caratterizzata da un altissimo livello qualitativo e i suoi vini esprimono tutto il carattere del territorio.





Alla vista un giallo paglierino con riflessi verdolini, abbastanza consistente.
Al naso un vasto vetaglio di profumi di notevole intensità, si spazia dall'erbaceo non particolarmente marcato, a note di fiori e frutta a polpa gialla come la mela verde, alla frutta tropicale come la banana, non menca un forte timbro minerale grazie alla particolare natura arenarica del terreno e uno speziato finissimo di vaniglia.
In bocca è molto convincente, acidità e sapidità integrate perfettamente rendono particolarmente equilibrato l'assaggio (inaspettatamente) dall'altro lato morbidezza e giusto tenore alcolico (i 14,5 % vol. di alcool non si sentono minimamente), beva tecnicamente pulita, in bocca intenso e abbastanza persistente, unica nota che stona è il finale leggermente amarognolo, maturo.


 Il sito web dell'azienda: http://www.colleduga.com/







mercoledì 12 febbraio 2014

Rosso di Montalcino Doc 2012 "Poggio Cerrino" - Tiezzi




Tipo di Vino:                        Rosso
Uve:                                      100% Sangiovese.
Montepulciano d’Abruzzo
Montepulciano d’Abruzzo
Vinificazione:                       Le uve vengono fermentate per oltre 20 giorni in tini di legno. 
Maturazione:                      Affinato per circa un anno in grandi botti di rovere di Slavonia. 
Titolo alcol.:                        13,5 %   
Fascia di prezzo:                 euro
Giudizio Enostoppista:       3 botti

Note di degustazione: il vino è prodotto con l'esclusivo utilizzo di uve Sangiovese (brunello) provenienti dal Podere Cerrinio di circa tre ettari, situato a circa 3 km dal Comune di Montalcino a 350 mt sul livello del mare, le uve sono allevate a cordone speronato e con bassa resa per ettaro, tutto vine fatto manualmente dalla potatura alla raccolta.





Alla vista un bel colore rosso rubino intenso e limpido.
Al naso soprattutto sentori vinosi, floreali di viola e fruttati di fragola e ribes, pepe bianco come spezia.
In bocca la dice lunga, è un vino molto saporito e fresco, di discreta ma non irruente tannicità, il suo equilibrio ne facilita la beva, ma allo stesso tempo il suo sapore arricchisce l'abbinamento con formaggi stagionati grassi e semigrassi, il suo sapore è intenso e abbastanza persistente.
E' sicuramente un vino pronto da bere ma che ha ancora molto da dire in futuro.

 Il sito web dell'azienda: http://www.tiezzivini.it









sabato 8 febbraio 2014

Colli di Salerno I.G.P. 2009 - Montevetrano





Tipo di Vino:                        Rosso 
Uve:                                      60% Cabernet sauvignon, 30% Merlot, Aglianico 10%.
Montepulciano d’Abruzzo
Vinificazione:                       In acciaio inox. Previo salasso del 15%. Numerose follature. 
                                              Durata della fermentazione 20 giorni. Lunga macerazione
                                             della buccia (20 giorni). 
Maturazione:                      Per 8/12 mesi, in barriques nuove da 225 lt. in rovere di Nevers,
                                             Allier e Tronçais. In bottiglia per 6 mesi prima dell’immissione sul mercato. 
Titolo alcol.:                        13,5 %   
Fascia di prezzo:                 euro
Giudizio Enostoppista:       4 botti


Note di degustazione: è davvero inusuale che sui Colli Picentini, nel piccolo paese di San Cipriano Picentino vengano coltivate uve di taglio bordolese, Silvia Imparato si è infatti affidata alla mano esperta dell'enologo Riccardo Cotarella che ha scommesso su questo territorio, azzardando un pò in verità, tuttavia è rimasto radicato al territorio ideando un geniale, forse il primo blend, tra uve bordolesi e il nostro potentissimo Aglianico.




Alla vista è un rosso rubino, di fitta trama cromatica e quasi impenetrabile.
Al naso bisogna tenere conto che questo è un 2009, un vino di questa portata infatti che ha una lunghissima longevità andrebbe aspettato più a lungo, ma non ce ne facciamo un cruccio, perchè è sempre affascinate notare l'evoluzione di questo tipo di vino negli anni, l'olfazione è intensa e ahimè alquanto ridotta, per i motivi sopraindicati, frutta rossa (ciliegia, amarena, ribes), fiori (viola), uno speziato di cannella, liquirizia, mirto e un tostato non invadente.
In bocca è secco, caldo, quasi velluto sulla lingua, la tendenza amarognola e la ruvidità del tannino si sente solo molto dopo, ma è un'esperienza assolutamente positiva, la sapidità  del mare vicino si sente tutta, l'acidità rinforza la beva, intenso e persistente all'assaggio.
E' sicuramente un vino pronto che può sicuramente migliorare, ma già fa la sua bella figura.



 Il sito web dell'azienda: http://www.montevetrano.it






martedì 4 febbraio 2014

Kerner Obermairlhof Südtirol Eisacktal Doc 2011 - Weingut Haderburg



Tipo di Vino:                        Bianco
Uve:                                     100% Kerner (Riesling x schiava grossa).
Vinificazione:                       Fermentazione in vasche di acciaio (100%) senza lieviti selezionati,
                                             con sistema di controllo della temperatura di fermentazione tramite
                                             ruscellamento di acqua fredda lungo le pareti delle vasche. 
Maturazione:                       In acciao per 6 mesi.
Titolo alcol.:                        13 %   
Fascia di prezzo:                 euro
Giudizio Enostoppista:       3 botti



Note di degustazione: (vedi anche Südtiroler Blauburgunder Doc Hausmannhof Pinot Nero Riserva 2010 - Haderburg)
Haderburg è un azienda biodinamica, da pochi anni hanno comprato dei terreni  Obermairlhof sopra Chiusa nella Valle Isarco che si allargano a una altezza fra i 620 e i 700 m. I terreni sotto lo strato di humus sono terreni morenici permeabili con parti di quarzi e scisti e graniti. Qui crescono Müller-Thurgau, Pinot grigio, Riesling, Sylvaner, Gewürztraminer e Kerner, l'esposizione e l'altitudine regalano a questi vini grandi profumi, la fermentazione viene effettuata solo mediante l'utilizzo di lieviti indigeni.





Alla vista è un giallo paglierino, con qualche riflesso verdognolo, abbastanza consistente.
Al naso è intenso e abbastanza complesso, la mela verde, il kiwi e note di frutta tropicale, una straordinaria mineralità e una nota erbacea che non crea alcun fastidio.
In bocca è secco, caldo, un'acidità da pole position e una buona sapidità rendono questo vino molto affascinante, la buona morbidezza dall'altra parte lo pone in perfetto equilibrio gusto-olfattivo, l'assaggio è intenso e abbastanza lungo, un vino pronto.


 Il sito web dell'azienda vitivinicola: http://www.haderburg.it









sabato 1 febbraio 2014

A.O.C Saint Joseph 2008 - DOMAINE JEAN-MICHEL GERIN





Tipo di Vino:                        Rosso
Uve:                                     100% Syrah 
Vinificazione:                      Viene effettuata durante il mese di Settembre, fermentazione con 
                                             macerazione sulle bucce. 
Maturazione:                      12 mesi in botte.
Titolo alcol.:                        12,5 %   
Fascia di prezzo:                 euro
Giudizio Enostoppista:       3 botti

Note di degustazione: la famiglia Gerin possiede le sue vigne, circa 240 ettari, da più di 6 generazioni nella parte settentrionale della Valle del Rodano  più precisamente nella Côte-Rôtie, vicino il paese di Ampuis, ma il loro primo millesimo risale al 1987, il syrah degustato proviene da vigne con esposizione Sud-Sud Est, riceve cioè il tepore dei venti Mediterranei, la natura granitica del suolo fa il resto.

Alla vista un rosso granato quasi impenetrabile e con qualche riflesso rubino, di bella intensità cromatica e di buona corposità.
Al naso è abbastanza intenso, sprigiona profumi di frutta rossa, terra bagnata e speziato elegante.
In bocca è secco, ma subito si distingue per freschezza, e per quelle note saline che lo caratterizzano, note quasi salmastre, che rimangono e quasi non vanno via, abbastanza equilibrato nel complesso, un vino maturo.


 Il sito web del Domaine: http://www.domaine-gerin.fr/