giovedì 31 luglio 2014

Agerola 2-4 Agosto 2014.Un ricco calendario di eventi per la tre giorni della Sagra del Fiordilatte




Tutto pronto per la trentaquattresima edizione Fiordilatte Fiordifesta, la sagra del fiordilatte e dei prodotti tipici agerolesi. Nei giorni 2-3-4 agosto 2014 la frazione Pianillo rinnoverà ancora una volta la tradizione ospitando questa festa del sapore, organizzata dall'Associazione Sant'Antonio Abate e dedicata a quella che a ragione può essere considerata la pietanza simbolo del comune campano. Numerosi eventi animeranno la tre giorni da vivere nella suggestiva località dei Monti Lattari: concerti, mostre, degustazioni, spettacoli, laboratori del gusto e passeggiate naturalistiche. Il fulcro dell'evento sarà rappresentato, come da tradizione, dal ricco menù tipico a base di prodotti tipici agerolesi e delle aree limitrofe, che anche quest'anno proporràprelibatezze tutte da scoprire, legate al territorio di origine sin dal nome. I piatti che compongono il menù saranno identificati, infatti, da particolari richiami alle caratteristiche geografiche, storiche e morfologiche, tipiche della città di Agerola. Dall'antipasto "Sfizi del contadino" al primo piatto "Fusilli delbelvedere", dal "Pane del campo" alla "Montanara agerolese", fino al dessert "Babà della Gerla", i piatti del menù agerolese non mancheranno di sorprendere, raccontando storie di gusto e tradizione. Ad accompagnare ogni assaggio sarà il Vino di Furore delle Cantine Marisa Cuomo, mentre il dessert sarà servito con un digestivo offerto dal liquorificio L'Alambicco. Fiordilatte Fiordifesta è, inoltre, l'occasione ideale per riscoprire le antiche tradizioni di produzione e lavorazione contadina che da generazioni danno vita a capolavori di gusto unici e deliziosi. Per questo, saranno organizzati piccoli laboratori itineranti, a cura della condotta dei Monti Lattari di Slow Food, che faranno vivere ai partecipanti l'esperienza del fare pratico, frutto di una tradizione ultra-centenaria. Sabato e domenica mattina, presso le frazioni di San Lazzaro e Bomerano, sarà possibile partecipare alle dimostrazioni di lavorazione del Fiordilatte di Agerola e altre tipicità gastronomiche locali, tenute da esperti artigiani e seguite da degustazioni di prodotti. Ad accompagnare la kermesse sarà la musica del Complesso Bandistico "Città di Martina Franca", cheassicurerà una colonna sonora d'eccezione, con momenti musicali di grande suggestione: concerti lirici, sinfonie e sonorità itineranti che allieteranno il percorso gastronomico. L'intrattenimento proseguirà con la coinvolgente arte dei suoni di "corEcorde", gruppo di musica popolare che farà rivivere le sonorità di un tempo.Il gruppo si esibirà nelle serate di sabato e domenica, alle ore 20,00 in Piazza Unità d'Italia. Con la loro musica si potrà vivere una serata all'insegna della memoria e del ritmo con villanelle, tammorriate, pizziche e tarantelle, recuperate dalle tradizioni folkloristiche del Settecento. Ancora, domenica 3 agosto, dalle 10,00, assieme all'Associazione Sentieri degli Dei si potrà partecipare adun'escursione guidata lungo il famoso sentiero omonimo, spettacolare itinerario naturalistico che collega Agerolaa Nocelle, frazione di Positano abbarbicata alle pendici del Monte Pertuso. La partenza avrà luogo dalla Chiesa di San Pietro Apostolo, sita in località Pianillo, e la partecipazione è gratuita. La XXXIV edizione di Fiordilatte Fiordifesta si concluderà con quello che può essere considerato il momento clou della manifestazione: il concerto gratuito di Nino D'Angelo. Il noto cantautore partenopeo si esibirà lunedì 4 agosto, alle ore 22,30 in Piazza del Santuario. Il celebre artista, cuore e anima della musica napoletana, ripercorrendola trentennale carriera musicale in una tappa del suo "Tour Estate 2014", riproporrà al suo affezionato pubblico i più grandi successi che lo hanno portato alla ribalta di palcoscenici italiani e internazionali. Tanti elementi, dunque, a comporre un evento atteso tutto l'anno e che rinnova l'appuntamento con visitatori appassionati e buongustai provenienti da tutta Italia. Partecipare alla sagra Fiordilatte Fiordifesta vuol dire entrare in contatto con una cultura antica, ma ancora oggi viva, che attraverso gli odori e i sapori di una volta racconta la storia di un territorio affascinante. Un'esperienza da non perdere.







mercoledì 30 luglio 2014

"E le Stelle stanno a guardare" con Laura Gambacorta al Quartum Store Giovedì 4 Settembre 2014

 

Nuovi canali per l'export del Pescato Campano.Accordi commerciali con il Belgio, la Georgia e la Cina







Il presidente del Consorzio Pescato Campano:
"vincono la qualità dei nostri prodotti e la capacità di stare sul mercato globale"

I prodotti ittici della Campania stanno riscoprendo nuovi mercati. Il Consorzio Pescato Campano con sede a Pozzuoli negli ultimi mesi ha intessuto una serie di relazioni commerciali con alcuni rivenditori di pesce europei ed asiatici.

I responsabili del Consorzio sono stati contattati da un importatore di pesce di Bruxelles che fornisce prevalentemente i ristoranti italiani in Belgio con pesce congelato o dell’oceano Atlantico. I ristoratori hanno chiesto un ritorno alle origini,volendo puntare sul pesce del Mediterraneo e in particolare del mar Tirreno. Ora l’accordo con il Consorzio è fornitura plurisettimanale con specie ittiche fresche pescate il giorno prima (che saranno già il giorno dopo disponibili per il pranzo). I ristoranti che utilizzeranno questo pesce entreranno a far parte di un progetto di filiera del buon pescato italiano e saranno supportati con azioni di marketing.

A fine luglio una delegazione di pescatori della Georgia, stato caucasico che si affaccia sul mar Nero, ha fatto visita ai pescherecci di Pozzuoli e Procida. L’obiettivo era conoscere il modello di gestione del Consorzio e la possibilità di sviluppare azioni commerciali di import-export di prodotti unici come le alici del tirreno con prodotti presenti nei nostri mercati ma in quantità ridotte e invece in abbondanza nel mar Nero; per esempio: platessa, telline, rombo chiodato.

Infine sono stati stabiliti alcuni rapporti di collaborazione con imprenditori provenienti dalla Cina e interessasti a lavorare lo scarto di lavorazione (per esempio la vescica natatoria dei pesci) molto richiesta dall'industria del food in oriente per la preparazioni di gelatine alimentari a seguito di processi di essiccazione.

Sono contatti importanti  spiega Fulvio Giugliano, presidente del Consorzio che sottolineano l’importanza del nostro pescato e la necessità di intrattenere rapporti con le industrie del settore di tutto il mondo. I rapporti si sono sviluppati grazie alla fiera internazionale Sea Food 2014. In modo particolare è utile osservare come si aprano nuovi mercati che necessitano di prodotti di qualità come i nostri e come gli orientali siano interessati agli scarti della nostra lavorazione che per il loro mercato diventano fondamentali.


Il Consorzio aderisce a Federpesca-Confindustria. Caratteristica principale è aver riunito in un unico sodalizio tre diversi tipi di pesca: circuizione, strascico e piccola pesca. Tra gli obiettivi: la promozione di iniziative di valorizzazione della qualità del pescato degli associati con la nascita di un marchio di riconoscibilità; promuovere attività di pescaturismo e di ittiturismo; corsi di formazione, studi e ricerche; organizzare i servizi a terra per gli aderenti; tutelare le aree di pesca; accedere ai finanziamenti dal Piano di Gestione 2013 e dal Fondo Europeo per la Pesca; essere interlocutore con le istituzioni; fornire servizi legali e fiscali; creare spazi per la vendita diretta dei prodotti; sviluppare una rete commerciale con le industrie alimentari; rispetto delle leggi e dell'ambiente; valorizzazione delle tradizioni delle comunità del mare. Possono aderire al Co.Ge.Pe.Ca. tutti coloro i quali esercitano la pesca costiera locale, la pesca costiera ravvicinata, la pesca artigianale e la pesca mediterranea o d'altura.
Pozzuoli, 30 luglio 2014



















lunedì 28 luglio 2014

Iris Birra compie 10 anni, in visita per raccontarvi la sua storia e la sua passione




Iris Birra è la prima birra del Parco Nazionale del Cilento, nata nel Giugno 2004 dall'idea imprenditoriale di Salvatore Oricchio, sotto l'ombra di ulivi secolari a Palinuro, frazione della meno conosciuta Centola.
Oggi Iris compie 10 anni, da allora quando l'ho testata per la prima volta ha compiuto passi da gigante, ampliando la gamma produttiva, innovando il packaging ma mantenendo sempre un occhio di riguardo per le origini, migliorando le materie prime con molta attenzione all'acqua utilizzata, ottenendo la certificazione biologica, così da diventare la prima birra artigianale biologica del Parco Nazionale del Cilento.
Interessantissima visita al birrificio che era in piena fase produttiva della  Bionda, macchinari d'acciaio con la capacità produttiva di 600 litri per cotta della Zingarelli Engineering Company, tutti ingredienti biologici utilizzati, dall'acqua pura delle sorgenti di montagna di Montano Antilia, giustamente morbida, al puro orzo maltato, fino al luppolo e al lievito utilizzato, proveniente dalla cotta precedente, tutta la fase produttiva è biologica, non viene fatto uso di conservanti, la birra non viene filtrata, nè pastorizzata e rifermenta in bottiglia, metodo che da alla birra la caratteristica della variabilità da bottiglia a bottiglia.



Iris Birra non è la solita Birreria nata dall'esperienza più o meno positiva dell'Home Brewing, lo testimonia l'ampio uso della Bassa Fermentazione che per chi è esperto del settore vuol dire ampia conoscenza ed esperienza per la nota difficoltà di produzione, ma anche macchinari adeguati e lunghi tempi di stoccaggio del prodotto, insomma micro birrificio per modo di dire, ma grande professionalità.


Salvatore con il suo prezioso aiutante produce sette tipologie di Birra in bottglia da 660 ml con tappo a pressione in ceramica e anche nel più comodo formato da 330 ml con tappo a corona, oltre che fusti per la mescita per il settore ho.re.ca.


Da sinistra la Lemon Iris (Radler), bionda a bassa fermentazione aromatizzata con succo di limone biologico, fresca e dissetante, la Terry Iris una rossa a bassa fermentazione da 5,0 % vol. alc., la Estrema Unzione, una doppio malto a bassa fermentazione da 7,5 % vol. alc, la Habanero Iris, una bassa fermentazione aromatizzata dal gusto piccante e deciso di peperoncini da 5,0 % vol. alc., davvero curiosa, la Bionda tipo Pils a bassa fermentazione da 5,0 % vol. alc., e infine due birre speciali disponibili a seconda del periodo come la Castagnola, lager a bassa fermentazione aromatizzata con castagne cilentane e la Cioccolella, una Stout inglese aromatizzata al cacao prodotta nel periodo natalizio.




I prezzi al pubblico sono di 3,5 euro per la 330 ml e di 5 euro per la 660 ml, davvero irrisori se pensiamo alla qualità del prodotto e se facciamo un paragone con prodotti analoghi di pseudo micro birrifici artigianali presenti sul mercato che per coprire i costi sparano prezzi esorbitanti, giustificandoli con la più o meno artigianalità con cui vengono prodotte, canone che non sempre è sintomo di qualità.



Facciamo i migliori auguri a Salvatore per questi primi 10 anni di vita del suo micro birrificio che a breve si trasferirà poco lontano dal suo attuale indirizzo e aumenterà la capacità produttiva.


Iris Birra
                                                            Via Acqua del Lauro, 84064
     Palinuro (SA)
     E-mail: info@irisbirra.it
     Tel:0974.938217




domenica 27 luglio 2014

Südtiroler Gewürztraminer Doc Hausmannhof 2011 - Haderburg


Tipo di Vino:                        Bianco
Uve:                                     100% Gewürztraminer
Vinificazione:                       Fermentazione in vasche di acciaio per 15 giorni (100%) 
                                             senza lieviti selezionati, con sistema di controllo della
                                             temperatura di fermentazione tramite ruscellamento
                                             di acqua fredda lungo le pareti delle vasche. 
Maturazione:                       In acciao per 6 mesi.
Titolo alcol.:                        14,5 %   
Fascia di prezzo:                 euro
Giudizio Enostoppista:       4 botti




Alla vista giallo paglierino tendente al dorato, consistente.
Al naso è aromatico, ma le inconfondibile sfumature del gewurtztraminer sono tendenti a un'uva vendemmiata leggermente in ritardo, presenta infatti marcati sentori di appassimento e note dolci di pera e mela, frutta esotica e albicocca, l'intensità dell'olfatto e la sua piacevolezza, unita alla sua non-omologazione rispetto ad altri gewurtztraminer altoatesini lo rendono un prodotto diverso.
In bocca è secco, subito morbido e caldo, l'acidità alta a contrasto lo rende ancora più bevibile.
Davvero un bel vino, diverso nella sua internazionalità ed omologazione.


 Il sito web dell'azienda vitivinicola: http://www.haderburg.it




Malazè: sei itinerari per i Campi Flegrei




Neapolis, Puteoli, Baiae, Avernum, Quartum, Mons et Prochyta

Sei itinerari per i Campi Flegrei, la terra del mito e dell
archeoenogastronomia. Sono i luoghi che ospiteranno la IX edizione di Malazè, levento dedicato al vino, alla cucina e al turismo nellarea a nord di Napoli.

Malazè si terrà dal 6 al 16 settembre con oltre cento iniziative tra i territori di Napoli, Pozzuoli, Bacoli, Quarto, Giugliano, Monte di Procida e l
isola di Procida.

Ecco una sintesi di cosa verrà proposto negli itinerari.

Nepolis. Viste guidate e iniziative nelle vigne del vulcano degli Astroni; visite guidate all
Area Marina Protetta della Gaiola, alla Grotta di Seiano e al Parco archeologico di Posillipo; serata finale del concorso di cortometraggi La Grande Abbuffata, escursioni nei fondi rustici di Agnano e Bagnoli.

Puteoli. Visita ai principali monumenti della città di Pozzuoli (tra evento allo Stadio Antonino Pio eccezionalmente aperto per l
occasione); Ciclo Wine Tour gratuito tra le cantine; mostra di oggettistica di artigiani locali; escursione su barca confiscata alla criminalità; Cene in Vigna e Vigna Jazz; visite guidate nelle chiese del centro storico; omaggio alla piazza e ai prodotti tipici locali con Piz-zè; cucina geotermica nel Vulcano Solfatara; iniziative Slow Food; la Casa delle Api a Monterusciello, Land Art.

Avernum. Visita alla Città Sommersa; Malazè per i Piccoli con Agrigiochiamo al Giardino dell
Orco; escursioni teatralizzate nella pseudo grotta della Sibilla sul lago dAverno; Cene in Vigna e Vigna Jazz; iniziative Slow Food; iniziativa sulla piccola pesca; Ciclo Merenda; caccia al tesoro e canoa sulla costa e sui laghi.

Baiae. Escursioni in bici a Bacoli e visite guidate in barca sul lago Miseno; escursioni al Monte Miseno e al lago Fusaro; visite guidate ai monumenti (tra cui il Museo Archeologico dei Campi Flegrei, il Sacello degli Augustali e Piscina Mirabile); visite e Cena in Vigna; escursione tra i filari di cozze; mostre di pittura; presentazione libri.

Quartum. Caccia al tesoro tra i monumenti di Quarto; aperitivo offerto dallo chef Marianna Vitale (Stella Michelin) del Ristorante Sud e dall
associazione la Bottega dei Semplici Pensieri; cena dei Cavalieri della Tavola Balorda con lo scrittore Maurizio De Giovanni.

Mons et Prochyta. Percorsi tra i sentieri dei produttori di vino e dei pescatori di Monte di Procida; visite agli antichi cellai; presentazione di libri a Cappella ed escursioni all
isola di Vivara, Procida.

Partecipano alla IX edizione di Malazè: 20 ristoranti, 20 cantine, 15 aziende gastronomiche e oltre 100 tra associazioni, cooperative ed enti pubblici e privati.


Pozzuoli, 26 luglio 2014

contatti:
ufficiostampa@cirobiondi.it
393.5861941



sabato 19 luglio 2014

1^ Edizione Premio Masseria delle Sorgenti Ferrarelle ... ecco come è andata!




Lunedì 14 Luglio direzione Riardo, paese delle acque minerali e della più celebre acqua Ferrarelle,  anche questa volta un cielo nuvoloso e cupo minaccia il buon esito della Prima edizione del Premio Masseria delle sorgenti Ferrarelle, coordinato dalla giornalista enogastronomica Laura Gambacorta, tema del concorso: sottolineare il legame fra Acqua, cibo e territorio.
Un Premio indirizzato agli studenti ed ex studenti dell'Università Suor Orsola Benincasa, invitati a realizzare un articolo sul tema del concorso e giudicati da 5 membri di spicco del mondo dell’enogastronomia, del giornalismo e della cultura: Helga Sanità, antropologa e ricercatrice MedEat Research, Tommaso Esposito, scrittore e giornalista,  Antonio Pace, Presidente Associazione Verace Pizza Napoletana, Enzo Coccia, maestro pizzaiolo, Michele Pontecorvo, Responsabile Comunicazione e CSR Ferrarelle SpA.
Il premio è stato consegnato a Masseria delle Sorgenti Ferrarelle, l’azienda agricola che fa capo ad LGR Holding SpA, area naturale patrocinata dal FAI che sovrasta e custodisce le fonti delle acque minerali Ferrarelle, Natia e Santagata, ed è stato seguito dalle degustazioni di 7 maestri pizzaioli che hanno preparato, o meglio sfornato, per l’occasione ciascuno la propria pizza margherita e una propria specialità:



- Attilio Bachetti , Da Attilio alla Pignasecca, Napoli
- Eleazzaro Bonafiglia, Masseria delle Sorgenti, Riardo (Ce)
- Raimondo Cinque - Ristorante Gigino Pizza a Metro, Vico Equense (Na)
- Ciro Coccia - La Dea Bendata, Pozzuoli (Na)
- Enzo Coccia – La Notizia, Napoli, componente della giuria del premio e ideatore, per l’occasione, della pizza Masseria delle Sorgenti
- Franco Pepe – Pepe in Grani, Caiazzo (Ce)
- Antonio Starita – Starita a Materdei, Napoli



Sponsor tecnici dell’evento di premiazione: Stefano Ferrara, maestro artigiano di Quarto, che ha fornito i suoi forni per la cottura delle pizze, Contadi Castaldi Franciacorta, fornitore delle bollicine “alcoliche” delle serata con i suoi Franciacorta Brut, Franciacorta Rosé s.a e Franciacorta Satèn 2009, Antica Distilleria Petrone, che ha offerto i suoi ottimi Elixir Falernum e Guappa, l'unico liquore a base di latte di bufala. Per il condimento delle pizze è stato inoltre utilizzato l’olio extravergine d’oliva Masseria delle Sorgenti Ferrarelle,  ricavato dagli ulivi del Parco Sorgenti di Riardo






Luigi Orlando è il vincitore del Premio Masseria delle Sorgenti Ferrarelle, vince un assegno di 500 euro : ex studente dell’Università Suor Orsola Benincasa come richiesto dal regolamento, è stato selezionato dalla giuria per la profondità dei contenuti del suo articolo dal titolo Questa è l’acqua, tra vita e cultura con cui ha saputo esprimere il legame tra acqua, cibo e territorio, tema scelto per questa prima edizione del concorso.  Al secondo e terzo posto si sono classificati rispettivamente Valeria Vanacore e Marco Prato.





Dopo la Premiazione, conclusa in fretta per il precario tempo atmosferico, la serata è iniziata con un aperitivo di Franciacorta Satèn, Brut e Rosè di Contadi Castaldi.




Ad accompagnare le bollicine i "Sciurilli fritti", fiori di zucchine fritti nella classica pastella napoletana



Ancora Nodini e Bocconcini di Mozzarella Di Bufala caldi, stracciata di mozzarella con Peperoni e olive e Rotolo di Mozzarella con finocchietto selvatico







Gli assaggi delle pizze sapientemente create dai sette maestri pizzaioli presenti alla serata, in ordine di menzione:



 Attilio Bachetti , Da Attilio alla Pignasecca, Napoli

Pizza Appennini, a stella con punte ripiene di Ricotta, condita con zucchine, Fiordilatte e Funghi Porcini




     Eleazzaro Bonafiglia, Masseria delle Sorgenti, Riardo (Ce)

Pizza con Fiori di zucca, Grana Padano in scaglie e Mozzarella di Bufala Campana




Raimondo Cinque - Ristorante Gigino Pizza a Metro, Vico Equense (Na)

Assaggi di Pizza Margherita e Pizza con Fiordilatte e Finocchietto Selvatico


               
Ciro Coccia - La Dea Bendata, Pozzuoli (Na)

Pizza con Crema Di Zucca e Mozzarella Di Bufala Campana



Enzo Coccia – La Notizia, Napoli

Pizza Margherita con Mozzarella di Bufala



Franco Pepe – Pepe in Grani, Caiazzo (Ce)

Pizza Margherita con Pomodori a Pacchetelle



Antonio Starita – Starita a Materdei, Napoli

Pizza Con Baccalà, pmodorini, Capperi e Origano




                            


A concludere la serata i Liquori di Antica Distilleria Petrone, che ha offerto i suoi ottimi Elixir Falernum e Guappa, l'unico liquore a base di latte di bufala




Le Torte della Masseria delle Sorgenti ferrarelle, con Pan di spagna e Crema al Cioccolato con Latte di Bufala, crema Chantilly e Gocce di cioccolato e Crema Chantilly e frutti di Bosco